Svaligiano la banca mascherati da postino e da poliziotto

Il colpo è stato messo a segno ieri pomeriggio allo sportello Intesa Sanpaolo nel centro commerciale Bennet “La Porta d’Europa” a Montano Lucino
Pistola in pugno, i malviventi sono entrati in azione all’ora di chiusura e si sono fatti consegnare circa 125mila euro
Abiti da postino uno, un giubbotto scuro con la scritta “polizia” l’altro. E proprio sotto il giubbotto aveva nascosto una pistola a tamburo. È la descrizione dei rapinatori che ieri pomeriggio hanno assaltato la banca nel centro commerciale la Porta d’Europa di Montano Lucino, allontanandosi poco dopo con un bottino di circa 125mila euro.
Le indagini sono affidate ai carabinieri della compagnia di Cantù.
Il colpo è stato probabilmente studiato nei minimi dettagli. I due malviventi sono entrati in azione attorno alle 16.15, in concomitanza con l’orario di chiusura dello sportello della Banca Intesa Sanpaolo nel centro commerciale Bennet. I banditi sono entrati come fossero normali clienti, poi uno ha estratto una pistola e ha minacciato i dipendenti.
Con l’arma in mano, i malviventi si sono fatti consegnare i soldi, un bottino di circa 125mila euro. Una volta ottenuto il denaro, i banditi sono usciti rapidamente, camminando tra i clienti del centro commerciale. All’uscita, i due uomini sono saliti in sella ad altrettante moto, una delle quali condotta da un complice che li aspettava all’esterno.
La banda si è rapidamente dileguata dalla zona. I dipendenti della banca hanno dato l’allarme e al Bennet sono intervenuti i carabinieri della stazione di Lurate Caccivio.
I militari hanno raccolto la testimonianza degli impiegati presenti e soprattutto la descrizione dei due rapinatori. Tra gli elementi più significativi, l’abbigliamento dei malviventi. I carabinieri hanno subito avviato le indagini per risalire all’identità dei banditi. Al vaglio degli inquirenti anche le immagini delle telecamere di sorveglianza del centro commerciale e dell’istituto di credito.
È probabile che la banda avesse studiato il colpo nelle scorse settimane studiando nel dettaglio il piano.

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.