Svegliato dai rumori sorprende le ladre in casa. Denunciata 26enne all’ottavo mese di gravidanza

carabinieri 112

Avevano piazzato sugli spioncini degli altri appartamenti dei pezzi di nastro adesivo per oscurare la vista ai condomini curiosi. Poi, pensando che l’appartamento fosse deserto, hanno scardinato la porta di ingresso facendo irruzione. Il proprietario della casa, in effetti, in quel momento era assente ma l’appartamento preso di mira non era affatto deserto. Dentro c’era un amico del proprietario che stava ancora dormendo, e che al risveglio – dopo avere udito i rumori in casa – si è trovato di fronte alle due ladre.
Episodio movimentato nella giornata di lunedì a mezzogiorno. L’uomo, uno straniero di origine nigeriana, appena si è accorto di quanto stava avvenendo (affacciandosi dalla camera al corridoio) si è messo all’inseguimento delle due ladre. In casa infatti si erano introdotte due giovani donne. Una è riuscita a far perdere le proprie tracce, mentre la seconda è stata bloccata e identificata. Sul posto, in via Varesina all’altezza del civico 42, sono arrivati i carabinieri della stazione di Rebbio.
La donna identificata è una 26enne di origine croata, in arrivo da un campo nomadi del Milanese. Non è stato possibile arrestarla, ma solo denunciarla a piede libero in quanto all’ottavo mese di gravidanza. La segnalazione è stata comunque girata alla Procura della Repubblica di Como. Il fatto di cronaca appena raccontato è avvenuto a Rebbio, come detto intorno a mezzogiorno nella giornata di lunedì.
I carabinieri della stazione di Rebbio, che hanno effettuato il sopralluogo, hanno sequestrato una chiave inglese, grimaldello che era stato utilizzato per scardinare la porta e introdursi nell’appartamento di via Varesina.
L’accusa nei confronti della 26enne croata è di tentato furto: da una prima perlustrazione della casa infatti i proprietari non avrebbero segnalato alcuna mancanza. Evidentemente l’amico è riuscito a mettere in fuga le due donne – una ancora ricercata – prima che potessero intascare qualcosa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.