Svizzera, nel mese di marzo migliora il mercato del lavoro

Svizzera, bandiera Svizzera

Il mercato del lavoro in Svizzera risente della pandemia, ma i dati resi noti dalla Segreteria di Stato dell’economia evidenziano una tendenza di miglioramento tra il mese di febbraio e il mese di marzo di quest’anno. La Svizzera mantiene ancora, nonostante tutto, uno dei tassi di disoccupazione giovanile più bassi d’Europa.
In generale, diminuisce il tasso di disoccupazione che passa dal 3,6% nel mese di febbraio 2021 al 3,4% dello scorso marzo. Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, però, il numero di disoccupati è aumentato di 22.344 unità (+16,5%). Sono questi i dati scaturiti dagli ultimi rilevamenti effettuati nell’intera Confederazione elvetica.
Alla fine di marzo 2021 risultavano iscritti, presso gli uffici regionali di collocamento, 157.968 disoccupati, 9.985 in meno rispetto al mese precedente. In Canton Ticino la percentuale dei disoccupati è pari al 3,5%, poco sopra la media nazionale. Per quanto riguarda la disoccupazione giovanile, sempre prendendo in considerazione il mese di marzo di quest’anno, il numero di giovani disoccupati nella fascia di età che va dai 15 ai 24 anni, è diminuito di 1.767 unità (-10,2%) arrivando al totale di 15.561. Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente sono 1.005 le persone disoccupate in più che corrispondono al +6,9%.
Più alto invece il tasso di disoccupazione tra i 50-64enni considerando questo mese di marzo rispetto a quello del 2020. Sono infatti 8.731 le persone disoccupate in più di quella fascia d’età (+23,8%). In miglioramento comunque rispetto al dato di febbraio di quest’anno (-3,8%).
Complessivamente, le persone in cerca d’impiego registrate nel mese di marzo 2021 erano 253.939, ovvero 5.796 in meno rispetto al mese precedente e 40.042 (+18,7%) in più rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente.
Nel mese di gennaio 2021 sono state colpite dal lavoro ridotto 399.667 persone, ovvero 105.989 in più (+36,1%) rispetto al mese precedente. Il numero delle aziende colpite è aumentato di 12.793 unità (+36,9%) portandosi a 47.460. Secondo i dati provvisori forniti dalle casse di disoccupazione, nel corso del mese di gennaio 2021, 3.356 persone hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell’assicurazione contro la disoccupazione.
Il 1° luglio 2018 è stato introdotto in tutta la Svizzera l’obbligo di rendere pubblici i posti vacanti per i generi di professioni con un tasso di disoccupazione pari almeno all’8%. Dal 1° gennaio 2020 questo valore-soglia è stato ridotto al 5%.
Il numero dei posti annunciati agli Uffici regionali di collocamento è aumentato in marzo di 6.504, raggiungendo le 45.182 unità. Di questi, 32.009 sottostavano all’obbligo di annuncio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.