Svizzera: ripartono negozi, musei e impianti sportivi all’aperto

Emergenza coronavirus in Svizzera.

Allentamento delle misure anti-contagio in Svizzera. Da ieri hanno riaperto i negozi, i musei e le sale di lettura di biblioteche e archivi, le strutture sportive e per il tempo libero all’aperto. Restano chiusi ristoranti, bar, locali notturni, discoteche e sale da ballo.
Restano in vigore l’obbligo della mascherina, del telelavoro, se possibile, e della didattica studenti universitari. È possibile incontrare parenti e amici in case private non superando il limite di presenza di cinque persone. Vietate le manifestazioni, per quanto riguarda invece le riunioni private, le regole sono state allentate e saranno possibili con un massimo di quindici partecipanti. È consentito praticare sport ai minori di 20 anni. In Canton Ticino, restano ammesse le celebrazioni religiose, i funerali e i matrimoni, con una partecipazione limitata a 50 persone. Queste disposizioni resteranno in vigore fino al 21 marzo.
I controlli e il contagio
A un mese dall’introduzione dei provvedimenti per combattere l’epidemia, la Polizia cantonale, insieme alle Polizie comunali, ha comunicato i dati relativi ai controlli e alle sanzioni disciplinari inflitte.
Dall’1 al 28 febbraio sono stati effettuati 878 controlli e sono state riscontrate 535 irregolarità sfociate in 490 multe disciplinari e 16 segnalazioni al Ministero pubblico. La maggior parte delle sanzioni disciplinari inflitte riguarda la partecipazione ad assembramenti con più di cinque persone (255) e il mancato obbligo di indossare la mascherina dove richiesto (153).
«Si sottolinea che, dopo un primo momento in cui sono stati rilevati diversi comportamenti contrari alle disposizioni (225 multe nella prima settimana), nel corso del mese si è notato un sensibile calo delle infrazioni riscontrate» fanno sapere le forze dell’ordine ticinesi.
Intanto, in Ticino ieri si sono registrati 28 nuovi positivi, ma nessun nuovo ricovero e nessun decesso legato al Covid.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.