Svolta nelle indagini: incendi in serie in Altolago, due arresti

Secondo gli inquirenti sarebbero i responsabili di almeno tre incendi divampati in Altolago dal 27 marzo in avanti.
Il primo nel territorio del Comune di Livo, il secondo a Musso e l’ultimo, della scorsa notte, a San Siro. Roghi che avrebbero potuto diventare devastanti se non “bloccati” immediatamente dall’intervento di alcuni volontari.
Ma qualcosa, agli occhi degli intervenuti, non tornava.
Gli inneschi, il modo di agire, le modalità e lo sviluppo degli incendi erano troppo simili per non far pensare a una stessa mente in azione. Così le indagini hanno iniziato a concentrarsi su due ragazzi, presenti sui luoghi dello spegnimento delle fiamme.
E alla fine, la scorsa notte, sono scattate le manette ai polsi dei due presunti piromani sorpresi sul fatto e arrestati.
Ora si trovano al Bassone e nelle prossime ore dovranno rispondere alle domande del giudice delle indagini preliminari.
Si tratta di due residenti nell’Altolago, rispettivamente di 19 anni (di Musso) e 31 anni (di San Siro).
La svolta alle indagini compiute dalle stazioni dei carabinieri della Forestale di Gera Lario, Menaggio e Carlazzo (unitamente al nucleo investigativo del gruppo carabinieri forestale di Como) è giunta dopo un’attività intensa avviata dopo il rogo del 27 marzo scorso a Livo.  I due sono stati arrestati e condotti al Bassone.
Altri episodi, rispetto ai tre che al momento sono contestati, sono ora al vaglio della Forestale per verificare eventuali coinvolgimenti dei sospettati.

L’approfondimento sul Corriere di Como in edicola sabato 22 aprile

Articoli correlati