Svuota tre cassette di sicurezza: comasco arrestato a Vicenza

Polizia di Stato

Ha svuotato tre cassette di sicurezza in un caveau svizzero ma è stato arrestato dalla polizia a Vicenza, dove aveva trascorso una notte prima di mettersi in macchina, probabilmente per fuggire all’estero. L’uomo, un 61enne originario della provincia di Benevento, ma residente a Como, è stato fermato domenica mattina. Gli agenti erano riusciti a intercettare uno dei suoi quattro cellulari ed erano sulle sue tracce, che portavano, appunto, a Vicenza. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il 61enne, da anni impiegato in un ufficio cambi di Lugano, nello scorso weekend avrebbe dato l’assalto alle cassette di sicurezza della banca, svuotandone tre su un totale di un’ottantina. Ricco il bottino, costituito da denaro contante e oggetti preziosi.

Dopo il colpo, messo a segno quando l’istituto era chiuso, l’uomo – che ha dei precedenti per reati connessi al riciclaggio di denaro – si è diretto verso il Veneto, fermandosi sabato notte a Vicenza. Gli agenti, però, avevano già individuato la sua auto, una Mercedes, e si erano appostati per coglierlo di sorpresa. Dopo una lunga attesa, nelle prime ore del mattino di domenica il 61enne ha raggiunto l’auto ma è stato bloccato dagli uomini della polizia, che gli hanno sequestrato 10mila euro in contanti e un orologio d’oro. Nella Mercedes sono stati trovati un piede di porco, un cacciavite e uno scalpello. Il 61enne è stato così fermato per possesso di oggetti atti a offendere. Nel frattempo, la Procura svizzera ha spiccato il mandato di arresto per furto e il comasco è stato portato nel carcere di Vicenza, in attesa dell’interrogatorio.

Articoli correlati