Tablet e foto digitali, più multe: a Como oltre 200 sanzioni al giorno
Territorio

Tablet e foto digitali, più multe: a Como oltre 200 sanzioni al giorno

Più multe e meno contenziosi. L’addio al vecchio blocchetto delle contravvenzioni, sostituito dagli strumenti tecnologici, cambia il lavoro dei vigili e contribuisce all’impennata delle sanzioni, che lo scorso anno a Como sono state quasi 80mila, 217 al giorno, il 9% in più rispetto al 2015.

«Con l’attivazione del controllo elettronico degli accessi alla zona a traffico limitato abbiamo stimato un aumento di un ulteriore 20% minimo delle multe», dice il comandante della polizia locale del capoluogo Donatello Ghezzo. Il bilancio dell’attività sanzionatoria dello scorso anno, come da tradizione è stato stilato ieri, in occasione della ricorrenza del patrono dei vigili san Sebastiano e 148esimo anniversario della nascita del corpo di Como. Il numero delle contravvenzioni per violazioni del codice della strada è in aumento già da tre anni. Le multe sono passate da 63.491 nel 2014 a 72.801 nei dodici mesi successivi e quindi a 79.456 nell’anno appena concluso. La media giornaliera è di 217 multe comminate nel capoluogo da agenti della polizia locale e ausiliari della sosta.

«La compilazione delle contravvenzioni ormai viene fatta esclusivamente con palmari e tablet – spiega Ghezzo – L’agente effettua anche le fotografie dell’auto, che allega al verbale, sempre in formato digitale. Questo procedimento da un lato velocizza e facilita il lavoro di chi deve comminare le sanzioni e dall’altro riduce drasticamente i contenziosi. L’utente, che tramite un’apposita password personale può accedere ai suoi documenti, davanti alle foto generalmente evita di contestare la multa». Per i prossimi mesi, per gli automobilisti indisciplinati si prospettano tempi ancora più difficili. «L’accensione degli strumenti elettronico per controllare l’accesso ai varchi della zona a traffico limitato – conferma il comandante della polizia locale – farà incrementare almeno di un ulteriore 20% le multe, secondo le analisi che abbiamo fatto. Anche in questo caso, la tecnologia faciliterà il lavoro di controllo e di accertamento dei comportamenti illeciti. Non ci sarà più bisogno neppure di esporre i pass perché tutte le verifiche saranno fatte dagli strumenti appositi». «

Al di là dei numeri – aggiunge Donatello Ghezzo – credo sia importante sottolineare i molteplici ruolo dell’agente della polizia locale, che ha una miriade di competenze e offre un servizio ai cittadini che incorpora e integra funzioni diverse, dalla sicurezza all’ascolto».

Anna Campaniello

21 gennaio 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto