Tanti presepi storici in mostra a Cavallasca

 

Il presepe sulla locandina della mostra

Un presepe realizzato nel 1944, realizzato dagli ufficiali prigionieri nel campo di concentramento di Wietzendorf nella Bassa Sassonia, è stato la fonte di ispirazione per Francesco Fanti, che ha curato con i suoi diorami e altre miniature della Natività la mostra “Storia di un presepe” in corso fino al 7 gennaio al primo piano di Villa Imbonati a Cavallasca, in via Imbonati 1, nella ex sala consiliare della storica dimora che fu visitata da celebri poeti e scrittori come Giuseppe Parini, Pietro Verri, Cesare Beccaria, un giovanissimo Alessandro Manzoni e Luigi Pirandello. In tutto i presepi in mostra, che si devono a quattro autori tra cui il curatore, sono 18. La mostra si può visitare con ingresso libero sabato (ore 15-18) e domenica (ore 10-12 e 15-18) e su appuntamento telefonando al numero 333.233.14.84.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.