Tap:19 a giudizio per reati ambientali

Processo comincia a maggio

(ANSA) – LECCE, 7 GEN – Comincerà l’8 Maggio prossimo dinanzi al Tribunale di Lecce il processo a 18 persone, tra cui i vertici di Tap, e alla stessa società, per i presunti reati ambientali compiuti nella costruzione del tratto terminale del gasdotto nel territorio di Melendugno, nel Salento. Il procuratore di Lecce, Leonardo Leone De Castris e il sostituto Valeria Farina Valaori hanno notificato un decreto di citazione diretta a giudizio agli imputati. Sono 15 le parti offese, tra le quali la Regione Puglia, otto Comuni rappresentati, il Ministero dell’Ambiente; il presidente del Comitato No Tap Salento e alcune associazioni. Tra gli imputati gli attuali vertici della società Tap, Luca Schieppati ed Elisabetta De Michelis, l’ex country manager di Tap Michele Mario Elia, il project manager della società e responsabile in materia ambientale, Gabriele Paolo Lanza; i dirigenti della Saipem, appaltatrice dei lavori di costruzione del microtunnel e del tratto di condotta offshore Albania-Italia, e i titolari delle aziende appaltatrici.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.