Cronaca

Tarsu, via libera del consiglio comunale alle tariffe più care

altPalazzo Cernezzi – Giovedì sera con 19 voti a favore e 9 contrari

Via libera del consiglio comunale alle nuove tariffe della Tares, riviste nei giorni scorsi da Palazzo Cernezzi a causa di un errore di calcolo nel software utilizzato per ripartire la spesa complessiva del servizio di raccolta dei rifiuti, pari a 12 milioni e mezzo di euro.
Una revisione che, rispetto alle tariffe calcolate a luglio, ha comportato una raffica di aumenti, in molti casi di circa un punto percentuale, ma in altri di proporzioni ben maggiori. È quanto avvenuto, ad esempio, per

ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub, mense, birrerie e per le rivendite di hamburgher, che dovranno pagare il 117,64% in più rispetto a quanto calcolato a luglio. Gli aumenti sono consistenti anche per fruttivendoli, pescherie, rivendite di pizza al taglio e fioristi (+80,87%), per le bancarelle dei generi alimentari del mercato (+67,77%), i bar, i caffè e le pasticcerie (+67,68%).
I rincari hanno coinvolto anche le famiglie, con incrementi pari al 6,95%, che si traducono in 3 euro in più all’anno per chi vive da solo fino a 14,3 euro di aumento per i nuclei composti da 6 e più persone.
Giovedì sera il consiglio comunale ha approvato a maggioranza le nuove tariffe della Tares, con 19 voti favorevoli e 9 contrari. Il termine per il pagamento è stato spostato dal 30 novembre al 31 dicembre.
L’assemblea ha anche approvato due ordini del giorno. Il primo, presentato dai consiglieri di maggioranza Sapere, Servettini, Legnani e Nessi, chiede che sindaco e giunta si facciano fare dagli uffici competenti una dettagliata relazione sulle ragioni che hanno portato alla necessità del ricalcolo delle tariffe. Il secondo, presentato dai consiglieri di minoranza Rapinese, Mantovani, Ceruti, Bordoli, Butti e Molteni, impegna il sindaco e la giunta a valutare la possibilità di una rateizzazione del tributo visto il momento di crisi economica.
Laura Bordoli, esponente del gruppo misto, ha anche chiesto perché l’amministrazione non abbia adottato uno sconto sulle tariffe della Tarsu. La legge consente infatti una riduzione complessiva delle imposte che devono pagare i cittadini fino a un massimo del 7% del costo totale del servizio.

Nella foto:
Il consiglio comunale di Como ha approvato le nuove tariffe della tassa sui rifiuti
23 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto