Taxista comasco fa arrestare un cliente con la droga e un coltello

Carabinieri

Era salito su un taxi nella zona di Longone al Segrino, nascondendo un grosso coltello, oltre che eroina e denaro. Ma il tassista, nonostante la comprensibile apprensione per un simile passeggero, è riuscito ad avvertire i carabinieri, che sono poi intervenuti a Lipomo bloccando l’uomo. Si tratta di un portoghese, arrestato poi con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e denunciato per porto abusivo di arma.
Quando era salito sul taxi, il portoghese era apparso particolarmente agitato. In stato di alterazione. Nessuna minaccia ad ogni modo al taxista, che non ha potuto evitare di vedere quel grosso coltello – con una lama da 19 centimetri – nelle mani del cliente. Approfittando di un attimo di distrazione del passeggero, il conducente ha dunque avvisato il 112.
Il portoghese aveva chiesto di essere accompagnato a Lipomo e ha anche pagato regolarmente la corsa. All’arrivo a Lipomo, però, ad attendere il taxi c’erano anche i carabinieri della compagnia di Como. I militari dell’Arma hanno accertato che il portoghese nascondeva 5 dosi di eroina, 200 euro in contanti e materiale per il confezionamento delle dosi, oltre al coltello. Droga, soldi e arma sono stati sequestrati e l’uomo è stato arrestato. Deve rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le forze dell’ordine hanno elogiato il senso civico del tassista comasco.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.