Tea Party sul Lario: per protesta le tasse finiscono nell’acqua

altIn piazza Duomo dibattito pubblico con l’ex ministro Pagliarini

(m.d.) Irap, Imu, Tares, Iva e così via. Sono le tasse buttate nelle acque del lago ieri mattina nel corso della manifestazione organizzata da Tea Party Italia. Una giornata di protesta «contro l’oppressione fiscale a cui tutti i cittadini italiani sono costantemente sottoposti», secondo quanto spiegato dagli stessi organizzatori che hanno voluto rievocare, sulle acque del lago, quanto avvenuto a Boston, negli Stati Uniti nel 1773, ovvero 240 anni fa. Allora i coloni americani buttarono a mare

molte casse di the per protestare contro le tasse imposte dal governo britannico.
Negli Stati Uniti di recente è rinato un movimento politico che, anche nel nome, si rifà agli eventi di Boston. E anche nel nostro Paese si è sviluppato il movimento Tea Party Italia, all’insegna del motto “Meno tasse, più libertà!”.
Ieri, sul Lario, la manifestazione si è svolta in due tempi. In mattinata, al largo del Tempio Voltiano, è stato rievocato il lancio delle casse del Tea Party di Boston. Questa volta, però, sulle casse – gettate in acqua da un motoscafo e poi recuperate una per una – erano stati applicati cartelli che ricordavano appunto le principali tasse che gravano sugli italiani.
Nel pomeriggio è stato allestito un gazebo informativo sulle attività del Tea Party e alle 19, in piazza Duomo, si è tenuto un dibattito pubblico al quale ha partecipato l’ex ministro del Bilancio Giancarlo Pagliarini.
«In piazza Duomo abbiamo discusso di pressione fiscale, di imprese e dei servizi scadenti resi dallo Stato – spiega Franco Renzetti, esponente lariano di Tea Party Italia – All’incontro era presente una cinquantina di persone».

Nella foto:
Due momenti della manifestazione di ieri mattina al largo del Tempio Voltiano (Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.