Teleferica di Merone, nei tralicci dismessi la casa di uccelli, pipistrelli e piccoli mammiferi

I tralicci della teleferica di Merone

Rapaci e altri uccelli, pipistrelli e altri piccoli mammiferi troveranno casa nei tralicci dell’ex teleferica di Merone.
E’ stato un lavoro lungo e complesso, ma ormai giunto alla fase finale, la rimozione della teleferica, struttura una volta utilizzata dall’allora cementeria di Merone, per trasportare il materiale dalla cava all’unità produttiva. In questa settimana è prevista la dismissione di uno degli ultimi fabbricati.

Un box per pipistrelli
Un box per pipistrelli

Il piano approvato e concordato con tutti gli enti e le autorità interessate prevedeva il mantenimento di alcune strutture, sia come esempio di architettura industriale, che in altri casi ai fini ambientali e paesaggistici.

E’ questo il caso dei 3 tralicci posizionati in area Sic (Sito di interesse comunitario) e la cui rimozione sarebbe impattante a livello ambientale. Per questo Holcim ha incaricato lo Studio F.A. Natura di progettare un intervento di adattamento dei tralicci al fine di utilizzarli per il sostegno di siti di rifugio per specie di pregio della fauna locale.

L’area umida in cui si trovano i tralicci fa parte dell’area del Lago Pusiano, che si sa essere importante ai fini della conservazione della Biodiversità. Preso atto del contesto naturalistico si è proposto di realizzare interventi a favore di uccelli,chirotteri e micromammiferi. Saranno installati nidi artificiali a favore di rapaci notturni e diurni. Per incrementare la disponibilità di siti rifugio per anfibi, rettili e micromammiferi uno dei plinti verrà riempito con materiale proveniente dalla vicina Valle Oscura, sempre di proprietà Holcim.

I lavori in area Sic (Sito di interesse comunitario) termineranno entro la fine del mese di Marzo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.