Temperature roventi sul Lario. Il forte irraggiamento solare fa balzare i valori dell’ozono

turisti a Como. tag turisti, imbarco, turisti in coda, caldo

Temperature sempre più alte, sia di giorno che di notte. Sul Lario, almeno fino a lunedì prossimo, il meteo sarà all’insegna del caldo, con punte che potrebbero arrivare anche oltre i 36 gradi. Sempre in Lombardia, tra l’altro, nelle zone della Pianura Padana, sono attese punte di 40 gradi, fattore di cui tener conto, visto che per molti questa è una fase di programmazione di escursioni ferragostane.
Una situazione destinata ad andare avanti fino all’inizio delle prossima settimana con un cambio, nella notte tra lunedì e martedì, che potrebbe portare alla formazione di violenti (e temuti) temporali.
Il forte irraggiamento solare di questi giorni ha peraltro favorito l’incremento delle concentrazioni di ozono che hanno superato la soglia di informazione dei 180 microgrammi al metro cubo  in alcune stazioni lombarde.
Martedì la quota è andata oltre i limiti nelle province di Milano, Monza e Varese.
Mercoledì 11 si sono aggiunte alle precedenti anche le province di Como (con un massimo orario di 188 µg/m3 a Erba) e Brescia (con un massimo orario di 181 µg/m3 nella zona Brescia-Villaggio Sereno).
«Per minimizzare gli effetti di questo inquinante sulla salute – spiega in una nota Arpa Lombardia, Agenzia di protezione per l’ambiente – specie nei soggetti più a rischio come bambini, anziani o persone con problemi respiratori, si consiglia di evitare il più possibile le attività all’aria aperta nelle ore di maggiore insolazione, dalle 12 alle 16. Utile anche una dieta ricca di sostanze antiossidanti a base di frutta o verdura di stagione».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.