Tempesta sul Lario, terrore per due giovani travolti da una frana

alt

I danni del maltempo
A Bellagio investita da fango e acqua l’auto con a bordo un 18enne e una 16enne. Sono salvi

Sei centimetri di pioggia in meno di 24 ore a Como, con un picco di oltre 8 a Cernobbio, nella frazione di Rovenna. Flagellato incessantemente dall’acqua, il territorio lariano ha registrato, tra Natale e Santo Stefano, danni importanti.
A Bellagio, una frana ha travolto l’auto sulla quale viaggiavano due fratelli di 18 e 16 anni. Smottamenti e torrenti tracimati anche sulla Lariana, a Blevio e

Pognana Lario, mentre a Porlezza un masso si è staccato dalla montagna ed è caduto sulla strada.
Nel giorno di Natale, la pioggia è caduta quasi ininterrottamente, accompagnata anche da forti raffiche di vento. In serata, la situazione è diventata critica in molte zone. Il bilancio si è poi aggravato con il passare delle ore, con la pioggia che non ha dato tregua per tutta la giornata di ieri.
L’episodio più grave, come detto, si è verificato a Bellagio, nella frazione montana di Guello, sulla provinciale che collega il paese a Civenna. Attorno alle 22 del 25 dicembre, una frana ha travolto la Y10 sulla quale viaggiavano un 18enne della zona la sorella 16enne. La macchina è stata investita da fango, rami, detriti e terra ed è stata trascinata per diversi metri per poi fermarsi contro il guardrail, in prossimità di un tornate. Gli occupanti, in attesa dell’arrivo dei vigili del fuoco e dell’ambulanza, sono riusciti a mettersi in salvo uscendo dai finestrini. Soccorsi dal 118, nonostante lo shock, fortunatamente hanno riportato solo alcune contusioni non gravi. I vigili del fuoco hanno lavorato molte ore, prima per recuperare e spostare la Y10 e poi per pulire e rimettere in sicurezza la strada, rimasta chiusa fino alla tarda mattinata di ieri.
Frane e torrenti esondati nelle stesse ore anche sulla Lariana. A Pognana Lario, un corso d’acqua ha invaso la sede stradale, allagando la carreggiata.
Dopo l’intervento dei pompieri, la strada è stata riaperta, ma per molte ore solo a senso unico alternato. Situazione simile a Blevio. In entrambi i casi, non sono rimaste coinvolte persone né veicoli.
A Porlezza, da segnalare un grosso masso che si è staccato dalla montagna ed è caduto sulla strada.
Anche in questo caso, i sassi non hanno colpito persone e neppure mezzi in transito o parcheggiati. Problemi anche a Tremezzo per una piccola frana.
LECCO E SONDRIO
L’intera Lombardia è stata investita dall’ondata di maltempo e dalla “tempesta di Natale e Santo Stefano”. All’alba di ieri a Premana, nel Lecchese, una frana ha investito tre auto e una moto parcheggiate, senza occupanti. Per precauzione, due famiglie sono state evacuate. Forti precipitazioni – pioggia a bassa quota e neve in montagna – in Valtellina e Valchiavenna.
A Madesimo, in provincia di Sondrio, in poche ore è caduto oltre un metro e mezzo di neve. Dalla sera di Natale e fino alla mattinata di ieri, il paese è rimasto isolato. I vigili del fuoco sono intervenuti per rimuovere alberi caduti sulla statale dello Spluga. Un black out ha lasciato al buio Madesimo e la zona dell’Alta Valle Spluga per buona parte della giornata di ieri.
Sempre in provincia di Sondrio è stata chiusa anche la strada provinciale che porta in Valmasino a causa di una frana che ha investito la frazione di Masino, nel Comune di Ardenno.
SVIZZERA
Allarme meteo anche in Svizzera. In Ticino, i pompieri hanno effettuato una quarantina di interventi per allagamenti e alberi caduti. Nella regione del San Gottardo, la coltre bianca ha superato la quota di un metro. Nei Grigioni, quasi tutti i passi sono rimasti chiusi. Sulle montagne a ridosso del confine resta alto l’allarme valanghe. Problemi anche sul fronte delle comunicazioni. Vento e neve ieri hanno mandato temporaneamente in tilt una centrale Swisscom. Il guasto ha provocato disagi soprattutto in Canton Ticino per l’utilizzo di televisione, Internet, e in alcuni casi, anche telefoni cellulari. Il problema è stato risolto solo nel tardo pomeriggio di ieri. Le giornate peggiori, comunque, dovrebbero essere passate. Secondo gli esperti, infatti, già dalla notte appena trascorsa il tempo dovrebbe migliorare su tutta l’area insubrica.

Anna Campaniello

Nella foto:
Una fotografia scattata dall’altro lato della strada mostra la zona dove si è verificato il terribile incidente dell’altra sera. La Y10 sulla quale erano a bordo due giovanissimi è stata letteralmente travolta da una frana. I ragazzi sono riusciti a salvarsi uscendo dai finestrini (fotoservizio Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.