Tempi dei passaggi a livello in città. Gervasoni: «Puntiamo a far diminuire l’attesa. Allo studio soluzioni tecniche»

Passaggi a livello più “lunghi” in centro Como

«Abbiamo aperto un dialogo costante con Trenord e Ferrovie Nord. L’obiettivo è di trovare una soluzione del problema». Parole di Pierangelo Gervasoni, assessore alla Viabilità del Comune di Como. L’argomento, l’aumento della durata dei tempi d’attesa ai passaggi a livello cittadini. Un incremento che, dallo scorso 26 settembre, ha contribuito ad aumentare code e disagi nella disastrata viabilità cittadina. Dopo qualche settimana la domanda all’assessore è se si stia cercando di fare qualcosa oppure se la situazione sia destinata a rimanere come è. «Stiamo affrontando la questione e cercando soluzione di carattere tecnico – afferma – per abbassare i tempi di attesa, anche se non si potrà tornare alla situazione precedente».
Tra le «soluzioni tecniche», la valutazione su un possibile abbassamento della velocità obbligatoria dei convogli nel tratto da Como Borghi in poi e una conseguente diminuzione del tempo di abbassamento delle sbarre.
Nei giorni scorsi, con l’esondazione del lago, alcune corse hanno avuto come capolinea Como Borghi. Anche questa ipotesi sarebbe al centro dell’attenzione nel corso delle riunioni. Ma per per far sì che diventi eventualmente una scelta fissa, bisognerà confrontarsi con la città, soprattutto con le categorie – per esempio i commercianti – che potrebbero non gradire tagli di arrivi a Como Lago.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.