Tempio Voltiano, un’altra estate a metà

Tempio Voltiano

Tempio Voltiano di Como, i lavori partiranno in autunno. Da cinque anni la struttura museale comunale più visitata della città è aperta soltanto a metà. La galleria al primo piano, infatti, è stata chiusa a luglio del 2014, quando una porzione di intonaco di circa 2 metri quadrati di superficie si è staccata dal soffitto.
I lavori per la sistemazione del Tempio, annunciati più volte nel corso degli anni, non sono mai partiti. Lo scorso mese di gennaio il Comune aveva deciso l’importo da destinare al restauro e agli interventi necessari per consentire la totale apertura del bene culturale, riportando così uno dei simboli della città al suo antico splendore: circa 130mila euro la cifra messa a disposizione dall’amministrazione comunale.
«La progettazione è conclusa, devono essere ultimati soltanto alcuni dettagli – ha spiegato ieri l’assessore ai Lavori pubblici di Palazzo Cernezzi, Vincenzo Bella – A breve affideremo i lavori per ristrutturare il primo piano e il cantiere partirà in autunno».
Intanto un’altra estate, l’ennesima purtroppo, trascorrerà con il Tempio Voltiano aperto soltanto a metà.
«Una ferita aperta quella del Tempio», ha detto soltanto alcuni giorni fa Luca Levrini, presidente della Fondazione Volta, che da tempo sta lavorando a un progetto per valorizzare la struttura.
Il Tempio Voltiano, nonostante sia aperto da un lustro soltanto al livello inferiore, è da tempo il museo comasco più visitato. Nel 2018, sui 50mila ingressi – comprese le gratuità e le visite organizzate per le scolaresche – nelle strutture museali civiche della città, ben 22.641 accessi sono stati registrati al Tempio Voltiano.
Di recente si sono superati anche i 30mila (il dato risale all’anno 2016), segno di quanto la struttura di stile neoclassico a pochi passi dal Lago di Como e parte integrante del profilo del primo bacino – disegnata dal celebre architetto lariano Federico Frigerio – sia ancora apprezzata dai turisti e dagli stessi comaschi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.