Tenta la rapina, ma la titolare reagisce. Braccio del bandito chiuso nella porta

Nel mirino una lavanderia di via Pino
La prontezza di riflessi della titolare della lavanderia di via Pino, a Camerlata, ha impedito il concretizzarsi di una rapina e, in più, ha consentito agli uomini delle volanti di arrestare il malvivente. L’assalto è andato in scena martedì alle 17. Il rapinatore ha richiamato la donna – presente in negozio con la figlia – fingendo di volerle parlare. Appena la porta si è aperta, però, ha estratto il coltello puntandolo verso la vittima designata che tuttavia, aiutata dalla figlia

, ha reagito chiudendo un braccio del rapinatore tra porta e stipite. L’uomo, a questo punto, ha estratto il braccio dalla “morsa”, ferendosi, perdendo l’orologio e scappando. All’arrivo delle volanti della Questura, è iniziata la caccia al malvivente, poi ritrovato in un albergo della zona, dove aveva una camera. Sul polso sinistro, ancora bene evidenti, i segni della ferita, mentre sopra la scrivania gli agenti di polizia hanno ritrovato il coltello e un frammento del cinturino dell’orologio. L’uomo, un italiano di 63 anni già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato per tentata rapina aggravata.
Colpo riuscito a Mariano Comense
Rapina portata a termine, invece, al “Penny Market” di Mariano Comense, in via per Cabiate. Ieri alle 13.30, due uomini a volto coperto e armati di taglierino si sono fatti consegnare 300 euro per poi fuggire a bordo di un’auto condotta da un terzo complice. Le indagini sono affidate ai carabinieri della stazione locale.

Mauro Peverelli

Nella foto:
La lavanderia di via Pino a Como dove è avvenuto il tentativo di rapina (Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.