Tentano di truffare un’anziana a Fino: la donna non ci casca e chiama i carabinieri

Carabinieri
Si fingono tecnici dell’acquedotto e tentano il più classico dei furti in abitazione. Ma la vittima non ci casca. E li costringe a una veloce ritirata.
È accaduto mercoledì a Fino Mornasco dove tre persone – una delle quali faceva da palo – hanno messo in scena la truffa dell’acqua inquinata.
Due dei tre malviventi si sono presentati in casa di una signora di 73 anni qualificandosi come tecnici dell’acquedotto e si sono introdotti nell’abitazione con il pretesto di verificare un possibile e pericoloso avvelenamento dell’acqua potabile. I due hanno chiesto alla donna di mettere dentro il frigorifero tutti i suoi oggetti d’oro per evitare, appunto, una possibile contaminazione da mercurio.
La 73enne non è cascata nel raggiro e, intuendo che qualcosa non andasse, ha immediatamente chiamato la nuora. Nel frattempo, ha chiesto ai due uomini di uscire.
Giunta sul posto, la nuora ha incrociato fuori di casa il “palo” che si è presentato come un carabiniere mostrando un distintivo metallico, evidentemente fasullo. Cosa che ha fatto ulteriormente insospettire la donna la quale ha subito contattato il 112.
A quel punto, i delinquenti hanno compreso che l’aria si era fatta pesante e senza portare via nulla si sono allontanati.
L’articolo completo sul Corriere di Como in edicola venerdì 8 giugno

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.