Tentano furto su una barca, messi in fuga dal proprietario

Fabio Crivelli foto imbarcazione

“Sto dormendo qui e sono armato, vedi tu”. È la scritta che si legge sull’imbarcazione di Fabio Crivelli, ormeggiata sul pontile di viale Geno. Il cartello è apparso dopo che due malviventi hanno tentato di introdursi all’interno del natante.
I rumori e in particolare la luce di una torcia hanno però svegliato l’uomo, che l’altra sera aveva deciso di passare la notte in barca. Ecco la sua testimonianza. «Alle tre del mattino ho sentito la mia barca cozzare contro quella vicina – ha detto l’uomo, intervistato da Espansione Tv – Ero in dormiveglia e la cosa mi è sembrata strana perché le acque del lago erano comunque liscie».
«Ho pensato che ci fosse in giro qualcuno sul natante anche se la cosa mi sembrava strana – ha aggiunto Fabio Crivelli – Ho guardato l’orologio, ho visto che erano le tre e poi ho sentito un forte rumore, come se qualcuno fosse salito a bordo. E così è stato».
Per il comasco non sono stati momenti facili. «La cosa che più mi ha angosciato è che ho visto accendersi una torcia e lì ho capito che per davvero qualcuno era salito a bordo. Mi sono vestito di corsa, ho aperto la porta e ho visto che erano salite due persone. Mi sono messo a gridare, c’è stata una leggera colluttazione ed entrambi, fortunatamente per me, sono caduti nel lago».
I due, spiega sempre Crivelli, «sono risaliti velocemente e sono fuggiti». L’uomo ha subito chiamato i carabinieri, che sono arrivati sul posto, ma dei malviventi non c’era più traccia. Ieri l’esposizione del cartello “Sto dormendo qui e sono armato, vedi tu”. «Ogni tanto mi fermo a dormire sulla barca – conclude l’uomo – È come avere una casetta sul lago; l’altra sera le condizioni erano ottimali, la temperatura perfetta e c’era tutto per star bene. Purtroppo è accaduto questo episodio spiacevole: mi sono sentito violato nella mia intimità, è una violenza privata devastante».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.