Tentato furto in via Crispi a Como. Giovani e ben vestite, ma erano due ladre

La questura di Como

Non davano troppo nell’occhio. Sembravano due ragazze, in ordine e di bella presenza, intente a rientrare a casa.
Certo, nessuno in via Crispi a Como le aveva ancora viste, ma da qui a pensare a qualcosa di brutto ne passa.
Ma quando una delle due ha iniziato a prendere a spallate un portone dopo aver cercato di forzare la serratura con un grimaldello, allora la scena ha assunto tutto un altro aspetto anche agli occhi del cittadino che le stava osservando da un balcone vicino. Insomma, in pochi attimi l’uomo ha preso il telefono e ha chiamato le forze dell’ordine. In via Crispi sono arrivate le volanti della Questura che hanno fermato le due ragazze poi risultate essere in possesso di arnesi atti allo scasso come forbici, chiavi inglesi e cacciaviti.
In manette per il tentato furto sono finite una 18enne – da poco maggiorenne – e una 21enne, entrambi italiane.
Da quanto è stato possibile ricostruire, le giovani sarebbero state disturbate nel loro intento non solo dal vicino di casa, ma anche da una moto che nel frattempo è sopraggiunta.
Il tentato colpo, tra l’altro, è andato in scena in pieno giorno, alle 16 di mercoledì.
Le due sono state arrestate e condotte in Questura in attesa del processo con rito direttissimo. L’accaduto è stato segnalato al pubblico ministero di turno in Procura, la dottoressa Daniela Moroni.

Articoli correlati