Tentò di strangolare la moglie: ex dirigente della Provincia condannato a 5 anni

Palazzo di giustizia, tribunale di Como (via Cesare Battisti)

Cinque anni di condanna con il rito Abbreviato. È stata questa la decisione del giudice dell’udienza preliminare di Como, Francesco Angiolini, che ha accolto dunque la richiesta di condanna della pubblica accusa, nell’ambito del processo che si è svolto ieri a carico del 66enne ex dirigente della Provincia a Villa Saporiti, arrestato per il tentato omicidio della moglie.

I fatti risalgono alla mattina del 22 ottobre scorso, in una casa di via Scalini, in centro città. L’uomo, in preda a un raptus, assalì la compagna mentre era ancora sdraiata a letto, tentò di strangolarla per poi colpirla più volte con diversi soprammobili e pure con un pesante oggetto di ferro. La donna riuscì però a divincolarsi, a liberarsi dalla presa e a scappare sul balconcino di casa, urlando e chiedendo aiuto. In suo soccorso arrivò una vicina e subito dopo sopraggiunsero le volanti della Questura.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.