Terremoto: 1 mld per borghi sicuri,780 mln sviluppo economia

Commissario post sisma

(ANSA) – ANCONA, 04 FEB – Il programma specifico per la ricostruzione del Centro Italia, messo a punto dalla struttura commissariale post sisma guidata da Giovanni Legnini, che è stato sentito oggi in audizione alla Camera, comprende due linee di intervento. La prima, con una dotazione finanziaria stimata in un miliardo di euro, finalizzata alla ricostruzione di "Borghi e città sicuri, sostenibili e connessi". Si prevedono, in questo ambito, interventi per la mobilità sostenibile ed efficienze, il recupero e la riqualificazione energetica degli edifici pubblici, la promozione di servizi digitali, lo sviluppo del fotovoltaico e di sistemi centralizzati di produzione di energia, delle "Comunità energetiche rinnovabili", un’illuminazione urbana ecocompatibile. Il secondo intervento, per il quale si stima un’esigenza finanziaria di 780 milioni di euro – spiega ancora la struttura commissariale – riguarda lo sviluppo produttivo, anche del settore agricolo ed agroalimentare, con il sostegno agli investimenti, interventi per la valorizzazione delle risorse ambientali, forestali e boschive, dei beni culturali e storici, la creazione di centri di ricerca universitaria. Oltre a questi fondi "ci sono 2,95 miliardi di euro della programmazione comunitaria, che devono ancora essere finalizzati, ma che sono essenziali per integrare la ricostruzione ed i progetti di sviluppo". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.