Terrorismo, chiesta la condanna a 5 anni per il 52enne di Fenegrò, Avrebbe costretto il figlio a diventare un foreign fighter

Il Tribunale di Milano

L’accusa ha chiesto una condanna a cinque anni e quattro mesi di carcere per il 52enne di Fenegrò sul banco degli imputati per terrorismo internazionale perché avrebbe convinto il figlio 23enne ad andare a combattere in Siria come foreign fighter.
L’uomo, egiziano, già combattente in Bosnia e residente con la famiglia nel Comasco, avrebbe organizzato e finanziato il viaggio del figlio, mantenendolo poi con l’invio di circa 200 euro al mese.
Il 52enne, in carcere a Nuoro, ha scelto il rito abbreviato e il processo è in corso di svolgimento in Tribunale a Milano.
Il 52enne partecipa alle udienze in videoconferenza. Il figlio dell’egiziano, a sua volta destinatario dell’ordinanza di custodia cautelare, non è stato mai arrestato proprio perché si sospetta sia in Siria.
Nell’udienza che si è svolta ieri, l’avvocato difensore del 52enne, Giusy Regina, ha detto tra le altre cose che l’egiziano non è un terrorista, ma che avrebbe preferito mandare il figlio in Siria piuttosto che farlo restare in Italia e vederlo coinvolto in attività di spaccio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.