Test nelle scuole, la soddisfazione della leghista Spelzini

La mozione dei Cinquestelle approvata oggi in Consiglio regionale, che chiede l’avvio di campagne di screening con tampone salivare molecolare (TSm) nelle scuole e la definizione di un piano regionale per il suo utilizzo diffuso riceve il plauso anche dall’esponente comasca della Lega in consiglio regionale.

“Già da diverse settimane Regione Lombardia, prima regione in Italia, è scesa in campo chiedendo al Ministero della Salute di poter utilizzare il tampone salivare per la diagnosi del coronavirus nelle scuole di tutto il territorio regionale – commenta Gigliola Spelzini, Consigliere regionale della Lega – stiamo parlando di uno strumento che, con la ripresa delle attività scolastiche, potrà rivelarsi particolarmente utile ed efficace in quanto somministrabile senza la necessaria presenza di operatore sanitario e molto meno invasivo di quello nasofaringeo. Non essendo ancor oggi pervenuta alcuna indicazione in tal senso dal Governo, abbiamo portato la questione all’attenzione dell’Aula consiliare, confidando che il documento ufficiale da Roma arrivi quanto prima, anche considerando che già lo scorso 20 aprile il Ministro Speranza ha confermato che tutti i test già autorizzati in Paesi che fanno parte del G7 possono essere utilizzati anche in Italia. Non è comprensibile quindi questa attesa”.  

“Con la mozione approvata oggi si chiede l’avvio di campagne di screening con tampone salivare molecolare per un monitoraggio capillare della diffusione del covid a partire dai territori lombardi più funestati dalla pandemia e con particolare attenzione alle scuole. Si chiede inoltre la definizione di un Piano regionale per l’utilizzo diffuso dei tamponi salivari come metodologia diagnostica per l’individuazione dell’infezione” conclude. 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.