Test sierologici sugli insegnanti a Como, tutti negativi al Covid-19

Misura anti-Covid

Sono tutti negativi i tamponi effettuati sul personale scolastico delle province di Como e Varese in seguito agli esami sierologici.

Lo comunica l’ATS Insubria che gestisce il programma di screening gratuito previsto per le 30.000 persone che, nelle due province, fanno parte del personale docente e non docente delle scuole pubbliche private e paritarie e degli asili nido. Lo screening è stato avviato il 24 agosto, su base volontaria, in osservanza delle normative nazionali e regionali in vigore per l’anno scolastico che sta per partire.

L’adesione dei docenti, degli operatori tecnico-amministrativi, degli educatori dei servizi educativi per l’infanzia e dei dirigenti scolastici e responsabili di istituti e scuole è stata molto alta, quasi il 50%. Oltre 14mila i soggetti che hanno effettuato il test sierologico rapido (dati al 7 settembre).

I positivi al test rapido sono stati poco più del 2%: sottoposti al tampone per la ricerca molecolare del Sars- Cov2 – Coronavirus sono però tutti risultati negativi.

ATS Insubria segnala al personale docente e non, che non ha ancora aderito al test, che lo stesso può essere eseguito anche dai medici di medicina generale che hanno aderito al programma e che possono essere contattati dai singoli assistiti.

In ogni caso, fino al 18 settembre prosegue l’attività nella postazione allestita a Como al San Martino, in via Castelnuovo.

L’Ats ricorda che la convocazione, in base agli elenchi inviati dalle scuole, è il requisito indispensabile per accedere al test rapido. È stata prevista la possibilità anche per il personale non di ruolo e di recente nomina di accedere al test sempre per il tramite delle segreterie scolastiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.