In Ticino illegale l’albo degli artigiani: ora deciderà il Consiglio di Stato
Canton Ticino, Economia, Territorio

In Ticino illegale l’albo degli artigiani: ora deciderà il Consiglio di Stato

Nuovi sviluppi nella vertenza che interessa molti artigiani del Comasco attivi nella vicina Svizzera. La Legge sulle Imprese Artigianali (Lia) che istituisce l’albo degli artigiani operanti in Canton Ticino ha un nuovo bastone fra le ruote: viola le disposizioni previste dalla legge federale sul mercato interno.
Approvata dal Parlamento del Canton Ticino il 24 marzo 2015 con l’obiettivo di «favorire la qualità dei lavori delle imprese artigianali che operano sul territorio cantonale, migliorare la sicurezza dei lavoratori» e di «prevenire gli abusi nell’esercizio della concorrenza», la legge è nata in realtà proprio con l’obiettivo di mettere un freno alla concorrenza italiana. La Lia è diventata da subito il bersaglio di critiche e ricorsi soprattutto da parte degli stessi artigiani elvetici.
Una prima sentenza del 20 novembre 2017 pronunciata dai giudici del Tribunale amministrativo ticinese ha sancito la sostanziale inapplicabilità della legge accogliendo il ricorso di una ditta del Sopraceneri che aveva contestato l’obbligo di iscriversi all’albo degli artigiani ticinesi.
Adesso, come riferito ieri dal quotidiano “Corriere del Ticino”, il Tram, ossia il Tribunale Cantonale Amministrativo, ha accolto due ricorsi della Commissione della Concorrenza (Comco) contro l’albo degli artigiani.
I giudici ritengono che i limiti posti dalla legge (come l’obbligo di iscrizione, la tassa d’iscrizione e la procedura) violano come detto la legge federale sul mercato interno. A farne le spese sono infatti le ditte della Svizzera interna e quindi oltre il San Gottardo, interessate a operare nel territorio del Canton Ticino. Il prossimo passaggio ora è nelle mani del Consiglio di Stato, che potrebbe chiedere al Gran Consiglio di abrogare l’albo tanto contestato.

5 Marzo 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto