Ticino, nuovi focolai nelle case di riposo del Don Guanella

Canton Ticino, Chiasso

Altri 346 positivi ieri in Canton Ticino, 2 decessi, 20 ricoveri in ospedale e il 19% dei test positivi. Il virus non si ferma certo in questi giorni al confine tra l’Italia e la Svizzera e ora la Confederazione sta valutando misure ancora più drastiche. «Rischiamo di raggiungere i limiti delle nostre capacità», ha detto ieri davanti ai media a Berna la dottoressa Linda Nartey, medico cantonale bernese e membro del comitato dell’Associazione dei medici cantonali, come riporta il portale di informazione Ticinonline.ch.
Destano preoccupazione, in particolare, i casi all’interno delle Rsa. Nove positivi nella casa per anziani Soave di Chiasso, due focolai nelle case per anziani gestite dall’Opera Don Guanella a Maggia e Castel San Pietro per 89 positivi complessivi, ovvero 44 ospiti (su 115) e 45 collaboratori.
Il Consiglio di Stato ha appena adattato le regole in vigore in Ticino alle nuove disposizioni decise dal Consiglio federale. Ma queste non sembrano essere sufficienti. Bar e ristoranti chiusi dalle 23 alle 6, massimo 50 spettatori per tutte le manifestazioni e 10 partecipanti per gli eventi privati. Il governo del Cantone si è appellato ai genitori e ai ragazzi per il rispetto delle disposizioni anche questa sera, in occasione della festa di «Halloween», e durante tutta la settimana di vacanze scolastiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.