Ticosa, 15 mesi per i lavori di bonifica della “cella 3”

area Ticosa Santarella disboscata

Entro due mesi partirà la bonifica della “cella 3”, l’ultima porzione dell’area Ticosa di Como che ancora contiene residui di materiali tossici. Amianto, perlopiù, sotto forma di Eternit, che due aziende di Cagliari rimuoveranno e smaltiranno in sicurezza in 15 mesi. Dopodiché, nell’area Ticosa – sede di una vecchia tintostamperia, zona dismessa da decenni – l’amministrazione comunale potrà disegnare ciò che vorrà. Forse un posteggio, come anticipato dal sindaco Mario Landriscina. Ma il Comune sta facendo alcune valutazioni sulla sostenibilità economica di varie soluzioni. Il mondo nell’ultimo anno è cambiato – ha spiegato il primo cittadino – e tutte le aree da riqualificare di Como – stadio, orfanotrofio, Ticosa, San Martino – soffrono della prudenza in ogni soggetto che abbia possibilità di avviare investimenti milionari.
La bonifica della cella 3 della Ticosa, hanno ribadito Landriscina e l’assessore all’Ambiente Marco Galli, è un passo molto importante. Un’area di 4.500 metri quadrati vicino alla Santarella, ex centrale elettrica dell’ex tintostamperia. Un intervento dal quadro economico superiore ai 5 milioni di euro.
L’appalto è stato assegnato a un raggruppamento temporaneo d’impresa composto da due aziende cagliaritane, la Ecostema e la Ecoserdiana, che si è aggiudicato il cantiere con un ribasso del 27,7% sull’importo a base di gara pari a 4 milioni e 100mila euro. Entro fine anno verrà individuata la direzione lavori ed entro due mesi, ha assicurato Galli, è prevista la partenza dei lavori. Verranno rimossi 8mila metri cubi di materiale e i rifiuti, insacchettati in contenitori particolari, verranno trasportarti in Sardegna per lo smaltimento.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.