Ticosa al Comune, ieri la firma davanti al notaio

L'area Ticosa

Area ripulita da arbusti e sterpaglie e tornata, con la firma di ieri davanti al notaio da parte del sindaco, di proprietà comunale. Riparte da zero o quasi la storia della Ticosa. La bonifica dell’area è ancora orfana di una cella, ma questo non esclude la possibilità di realizzare un posteggio. Prima però il Comune deve riprendere pieno possesso dell’area, cosa che ora può fare.
L’assessore all’Urbanistica, Marco Butti, aveva definito un primo accordo con Multi per arrivare a una transazione extragiudiziale. Il consiglio comunale aveva chiesto una modifica con l’aggravio del 10% della caparra di 450mila euro che Multi aveva lasciato al momento della firma. Simultaneamente il Comune di Como ha rinunciato ad escutere la fidejussione di 3 milioni di euro lasciata come garanzia dalla stessa Multi.
La procedura si è chiusa ieri, con l’ultima firma necessaria tra il sindaco e i referenti della società olandese. «Ora – ha detto il sindaco – potremo tornare a proporre progetti su quell’area».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.