Ticosa, la prossima settimana si decide per la bonifica

Santarella e area ex Ticosa

«La prossima settimana delibereremo la proposta di bonifica dell’area Ticosa». A dirlo è il sindaco di Como Mario Landriscina, nel corso del suo intervento al convegno sull’area di via Grandi.
Tra qualche giorno dunque – la data non è ancora stata fissata ma sarà entro i prossimi 7 giorni – si terrà la conferenza dei servizi (presenti al tavolo oltre al Comune anche la Provincia, L’Ats, la Regione e Arpa), che deciderà sul processo di bonifica della zona e sarà messa sul tavolo una prima bozza del piano di riqualificazione, risultato di un lavoro di ascolto che prosegue da mesi. Il primo cittadino ha aggiunto che «sarà imprescindibile un progetto per costruire il parcheggio, che costerà alcune centinaia di migliaia di euro, ma dovrà essere rivista anche la viabilità della zona. Ma punto di partenza per ogni ragionamento, a breve così come a lungo raggio, è ripulire il sottosuolo della Ticosa, avere l’area completamente risanata e quindi utilizzabile senza alcun rischio. I costi non saranno indifferenti ma dopo la conferenza potremmo anche quantificarli con precisione».
La Como del futuro parte infatti necessariamente dalla riqualificazione di quest’area, da anni abbandonata e inutilizzata, luogo simbolo di una città che ha la necessità di diventare maggiormente attrattiva.
E sull’area della Ticosa già da tempo ha manifestato interesse anche l’Università dell’Insubria che vorrebbe ampliare i suoi spazi in quello che è oggi l’edificio della Santarella, l’ex centrale termica della tintostamperia.
«Vogliamo sicuramente far parte di questo progetto di ripensamento dell’intera zona – ha detto il vice rettore dell’Ateneo di Como, Stefano Serra Capizzano – perché la riqualificazione dell’area è fondamentale per l’attrattività della città per i giovani. In tale contesto la ricerca di spazi per ampliare il polo di Sant’Abbondio ha un suo naturale sbocco nella Santarella».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.