Ticosa, l’ennesima promessa sul parcheggio

Area Ticosa

Centodue minuti per ribadire gli errori commessi, non accertare le responsabilità di quanto accaduto e lanciare un’altra, l’ennesima, promessa: posteggio davanti alla Santarella pronto entro la fine dell’anno.
È la sintesi della riunione della Commissione consiliare I di Palazzo Cernezzi, che si è svolta ieri pomeriggio con i consiglieri collegati ancora da remoto attraverso la piattaforma Google Meet, sul pasticcio andato in scena sul bando per l’affidamento dei lavori di bonifica dell’ultima porzione di terreno che resta da ripulire nell’area della ex Ticosa di Como, la cosiddetta “cella 3”.

Una vicenda che ha portato il Comune di Como all’annullamento in autotutela della gara da oltre 4 milioni di euro per la bonifica dei terreni dell’ex tintostamperia.
Nel bando sono stati commessi «errori grossolani», a detta dei consiglieri comunali presenti in Commissione, che riguarderebbero non soltanto la pubblicazione del bando ma anche come è stata impostata la procedura stessa, il ritardo tra l’indizione della gara (13 febbraio 2020) e l’aggiudicazione della stessa a favore del primo classificato con determina del 22 dicembre 2020, quindi dopo 10 lunghi mesi. E ancora: la carenza dei requisiti dei partecipanti dell’appalto. Errori che di fatto hanno bloccato la procedura e inevitabilmente allungato i tempi e aumentato i costi. Per la nuova gara di appalto, per affidare i lavori di bonifica, occorrerà attendere il mese di luglio quando verrà discussa la variazione di bilancio e potrà essere rifinanziata l’operazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.