Tikhanovskaya, avvelenamento Navalny un avvertimento a tutti

A Sky Tg24: 'Se tornassi in Bielorussia potrei essere uccisa'

(ANSA) – ROMA, 28 AGO – Quello che è accaduto all’oppositore russo Alexei Navalny "per me è disgustoso. Qualsiasi forma di violenza per me lo è. È stata una cosa così bassa, chiunque l’abbia compiuta. Il fatto va investigato, ma tutti dicono che è stato avvelenato. E penso che sia un avvertimento per gli altri. Come a dire: non essere così coraggioso". Lo ha detto a Sky TG24 la leader dell’opposizione in Bielorussia Svetlana Tikhanovskaya, in un’intervista che sarà trasmessa integralmente alle 19.30. E parlando della sua esperienza in patria prima di riparare in Lituania, ha aggiunto: "Non mi ricordo un giorno in cui non ho avuto paura. Ogni giorno mi svegliavo con la paura: non è facile spazzare un sentimento che ha albergato in te per così tanti anni. Ma ho capito che dovevo combattere, e andare avanti". Tikhanovskaya ha aggiunto che in caso dovesse rientrare in Bielorussia "potrebbe capitarmi di tutto: potrei essere messa in prigione come mio marito, potrei essere uccisa, potrebbero togliermi i figli". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.