Tokyo 2021, tre raduni per la Nazionale del remo

Jacopo Frigerio Leonardo Bernasconi

Terminati gli appuntamenti internazionali della stagione agonistica 2020, per i protagonisti del canottaggio tricolore è già tempo di pensare alla preparazione per il 2021, l’anno in cui sono in calendario le Olimpiadi di Tokyo.
La Federazione ha predisposto tre raduni nazionali valutativi che si svilupperanno in parallelo. A Piediluco un gruppo composto da 10 atleti della nazionale maschile sarà in collegiale dal 4 al 25 novembre; dal 3 al 27 novembre toccherà ad altri 7 canottieri a Roma. Nello stesso periodo, l’ultimo ritrovo, il più corposo (26 azzurri), a Sabaudia.
Il direttore tecnico Francesco Cattaneo ha compilato l’elenco dei convocati, che risente comunque delle problematiche legate al Covid e tiene conto della necessità di qualche atleta di rimanere ulteriormente in quarantena.
Non mancano, come da tradizione, i portacolori del lago e delle società remiere del territorio. Sono stati chiamati infatti a Piediluco (provincia di Terni) Davide Comini e Matteo Della Valle (Moltrasio) e Jacopo Frigerio (Lario). Nessun comasco a Roma, mentre a Sabaudia (Latina) si alleneranno Aisha Rocek (Gruppo Sportivo Carabinieri-Lario) e Giorgia Pelacchi (Fiamme Rosse-Lario).
Nello staff tecnico operativo in coordinamento con il direttore tecnico Cattaneo anche Stefano Fraquelli, nel ruolo di capo allenatore del gruppo olimpico femminile.
L’ultima uscita della Nazionale è stata ai Campionati europei disputati a Poznan, in Polonia. L’Italia del remo ha vinto un totale di undici medaglie ed ha conquistato il secondo posto assoluto nella classifica per Nazioni, che ha visto in testa l’Olanda. Terza piazza, invece, per la Romania.

Nella foto, Jacopo Frigerio con Leonardo Bernasconi, presidente della Canottieri Lario

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.