Tokyo: Malagò, accuse a Jacobs? Non sanno accettare sconfitta

"Controlli quotidiani al Villaggio

(ANSA) – ROMA, 03 AGO – "Avevo detto che, a queste Olimpiadi, ne avremmo visto delle belle. L’ho detto in epoche non sospette: in qualche caso siamo stati penalizzati, perché abbiamo lasciato per strada delle medaglie che ci venivano già assegnate come scontate. Per quanto riguarda l’orgoglio è una cosa alla quale mi sono appellato da subito, sull’onda del successo della Nazionale di calcio all’Europeo: tutti i componenti la nostra delegazione si sono sentiti parte integrante dell’Italia team con senso di grande fierezza". Così Giovanni Malagò, parlando a Radio Anch’io, su RadioRai. "I sospetti su Jacobs dall’estero? Le considerazioni di alcuni giornalisti sono fonte di dispiacere e anche di grande imbarazzo sotto tutti i punti di vista – aggiunge il presidente del Coni -. Oggi ha risposto molto bene Paolo Camossi, ex campione del triplo e allenatore di Jacobs. Parliamo di atleti che vengono sottoposti sistematicamente e quotidianamente nel villaggio a tutti i controlli antidoping. Quando fai un record nazionale, o continentale, i controlli raddoppiano: è veramente qualcosa che dispiace, perché dimostra come non sia stata accettata la sconfitta. Dunque, difesa a spada tratta di Marcell". "Le medaglie? Ho sempre detto che avremmo fatto meglio di Rio e faremo meglio di Rio – risponde Malagò -: abbiamo tutte le squadre nei quarti, immaginare che a cinque giorni dalla fine dei Giochi eravamo a questo punto è tanta roba". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.