Topo d’appartamento arrestato nella notte in piazza Duomo

Como, piazza del Duomo, Broletto

Nel pieno della notte, si è introdotto in un cortile interno di vicolo Duomo, a due passi dalla cattedrale di Como. Da qui, ha tentato di salire su alcuni terrazzini di proprietà di un B&B. I residenti della vicina piazza hanno però udito dei rumori e, allarmati, hanno chiamato la polizia.
Le volanti, intervenute in forze, hanno così circondato il palazzo per poi bloccare il topo d’appartamento che è stato arrestato.
Si tratta di un bosniaco di 50anni, già ben noto alle forze dell’ordine visto che in appena quattro giorni è riuscito nell’impresa di farsi “dedicare” un decreto di espulsione dal comune di Milano (il 14 marzo), una denuncia per un tentato furto in una vettura, sempre nella città meneghina (il 16 marzo) e, nella notte tra martedì e mercoledì, appunto, si è fatto nuovamente cogliere in fallo dagli agenti della squadra volante della Questura, in pieno centro città a Como. Il tutto, tra l’altro, in giorni in cui gli spostamenti sono vietati per i noti provvedimenti di contrasto al Coronavirus.
L’intervento delle volanti della polizia è avvenuto alle 4.30 della notte. Il 50enne, sentito l’arrivo degli agenti, ha tentato una improbabile fuga in uno scantinato, coprendosi con dei cartoni.
Scoperto, è stato ammanettato e condotto in camera di sicurezza in attesa del processo con rito direttissimo che si è tenuto ieri mattina in tribunale a Como.
L’arresto è stato convalidato e il giudice monocratico, Emanuele Quadraccia, ha poi disposto il divieto di dimora nel territorio comunale. L’uomo è così tornato in libertà. L’udienza è stata infine rinviata a dopo l’estate. L’accusa è quella di tentato furto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.