Torna a casa la bambina ferita. È stata dichiarata fuori pericolo


DIMESSA IERI DAL “BUZZI” DI MILANO

Stringendo forte la maglia di Antonio Cassano, la piccola di 10 anni di Ponte Chiasso, ferita da un proiettile vagante, ieri è tornata a casa. Le sue condizioni sono nettamente migliorate e i medici dell’ospedale dei bambini “Buzzi” di Milano hanno ritenuto possibile dimetterla. Ricoverata d’urgenza al Valduce il 29 giugno, la piccola era poi stata trasferita all’ospedale pediatrico meneghino, dove è stata operata per la rimozione del proiettile che l’aveva colpita. Estratta l’ogiva, che si era fermata tra la scapola e l’omero, a poca distanza dalla spina dorsale, la paziente è stata dichiarata fuori pericolo. Le sue condizioni sono poi lentamente migliorate, fino alla notizia più attesa, quella del ritorno a casa.
Dimessa nel tardo pomeriggio di ieri, la piccola è tornata nella sua abitazione di Ponte Chiasso con il papà, la mamma in attesa del terzo figlio e la sorella maggiore. Mercoledì scorso, la bimba aveva ricevuto la visita a sorpresa dell’ex calciatore Demetrio Albertini, che le ha donato la maglia di Cassano e l’ha invitata a conoscere la Nazionale, a Coverciano.

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.