Torna il festival ” Ticino Musica” nel segno di Bach

Johann_Sebastian_Bach

Il festival “Ticino Musica” presenta un ricco e variegato cartellone di eventi, distribuiti tra Mendrisio, Lugano, Sorengo, Ascona e persino Mesocco (Grigioni).

Domani il cartellone si apre di buon mattino: alle 10.30 sul palcoscenico del Boschetto del Parco Ciani di Lugano si esibiscono alcuni tra i migliori “giovani maestri” che partecipano al Festival. Alle ore 11.00, nella chiesa di San Sisinio a Mendrisio, Stefano Molardi sarà il protagonista di una Matinée di clavicembalo con in programma preludi e fughe dal “Clavicembalo ben temperato” di Johann Sebastian Bach. Al clavicembalo sarà dedicata anche l’openclass che si terrà nello stesso luogo dalle ore 14.00 alle ore 16.00. Questa lezione aperta al pubblico avrà come tema “J.S. Bach e l’influenza francese”. Alle 17.00 siederanno a questo antico strumento a tastiera i giovani maestri che, a seguito del corso con il M° Molardi, potranno sfoggiare in concerto il frutto del loro lavoro musicale. L’agenda di eventi della serata si divide tra Giubiasco e Lugano. Nella località del bellinzonese, alle ore 20.30 nella Chiesa di Santa Maria Assunta Stefano Molardi si esibirà in un nuovo concerto, questa volta all’organo, ma nuovamente con un interessante programma bachiano di trascrizioni dalle celebri Cantate.

A Lugano, nella Chiesa di San Carlo Borromeo (via Nassa), alle 21.00 avrà luogo un concerto in cui suoneranno fianco a fianco, sullo stesso palcoscenico, “Grandi maestri e giovani promesse”: Pablo Márquez (chitarra), Gabor Meszaros (fagotto), Marco Rizzi (violino), Corinne Contardo (viola) e Giovanni Gnocchi (violoncello), con alcuni tra i migliori partecipanti alle rispettive masterclass, interpreteranno brani di F. Devienne, F. Rebay e N. Paganini. Lunedì 27 si parte alle 10 nella Chiesa di San Siro a Canobbio con una nuova openclass di organo con il maestro Stefano Molardi ed i partecipanti al suo corso. L’openclass – lezione aperta al pubblico – consente ai più appassionati od anche soltanto ai curiosi di avvicinarsi ai “segreti” del complesso “laboratorio” di studio e lavoro che precede il momento della performance.

Per chi cercasse una rinfrescante pausa musicale a metà giornata, l’appuntamento è per le ore 12.15 al Parco Ciani con il “Pranzo in musica” palcoscenico di elezione per i giovani maestri che partecipano al festival, studenti di talento affacciati alla realtà professionale del musicista.

La sera presenta un interessante tris di eventi, a partire dal concerto di organo delle 20.30 nella Chiesa di San Siro a Canobbio, che vedrà impegnati i giovani maestri della classe di Stefano Molardi con musiche di Johann Sebastian Bach e Dietrich Buxtehude.

Alle 21.00, nella Chiesa Evangelica di Ascona, andranno “in scena” i giovani maestri della classe di musica da camera di Ulrich Koella per il terzo appuntamento dedicato alla musica da camera con pianoforte. Allo stesso orario, sul palcoscenico del Boschetto del Parco Ciani di Lugano, i riflettori saranno puntati su alcuni dei migliori talenti musicali ticinesi, che interpreteranno brani solistici e cameristici.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.