Torna la grande classica a Lugano nel segno di Bach

Johann_Sebastian_Bach

Riprende, dopo la pausa forzata, la stagione musicale della Chiesa di S. Maria degli Angioli, realizzata dalla Parrocchia di S. Maria degli Angioli, in piazza Bernardino Luini a Lugano, con l’appoggio organizzativo dell’Associazione Bernardino Luini. In occasione di tutte le feste di precetto, dal 14 giugno al 5 luglio, sarà in programma un concerto. Pur con la ripresa delle attività musicali e liturgiche, privilegiamo, in questa prima fase, gli organici molto piccoli: del resto i Vespri d’organo e i Concerti Spirituali, essendo parte  integrante dell’attività liturgica e pastorale della Chiesa di S. Maria degli Angioli, sono sottoposti alle stesse misure di sicurezza adottate nella Chiesa e in tutte le altre chiese dello Stato, dal giorno della riapertura al popolo delle celebrazioni.

Si conclude in primo luogo l’integrale delle Sonate per cembalo concertato e violino di Johann Sebastian Bach (BWV 1014-1019), con Hans Liviabella (concertino OSI) al violino, con l’esecuzione della Quinta Sonata, BWV 1018, domenica 21 giugno alle ore 16.30, e della Sesta Sonata, BWV 1019, domenica 12 luglio alle ore 16.30. Domenica 28 giugno alle ore 16 si recupera il concerto spirituale inizialmente previsto per il 26 aprile. Protagonista del concerto è il violoncellista Felix Vogelsang, professore dell’Orchestra della Svizzera italiana e solista di chiara fama. Vogelsang propone un programma interamente barocco, con una Sonata di Vivaldi per cello e continuo a introdurre la Quinta Suite per violoncello solo di Bach. Si tratta peraltro di una gradita anticipazione: il solista, infatti, eseguirà agli Angioli l’integrale delle Suites di Bach nella stagione 2020-2021.

Domenica 5 luglio alle ore 16 si recupera il concerto spirituale inizialmente previsto per il 17 maggio. Di scena due solisti di fama internazionale, il trombettista Lukas Gothszalk e l’organista Johannes Skudlik, alle prese con un programma molto piacevole e spettacolare, rivolto prevalentemente al repertorio barocco.

La rassegna nasce, come di consueto, in collaborazione con numerose e importanti istituzioni, tra le quali la Città di Lugano, il LAC, il Sovrano Militare Ordine di Malta e la Facoltà di Teologia di Lugano, nuovo patrocinatore della rassegna. In particolare è da porre in rilievo la collaborazione artistica con l’Orchestra della Svizzera Italiana, che porta nella Chiesa di S. Maria degli Angioli ben quindici prime parti della compagine.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.