Torna “Montecristo” di Vecchioni, 40 anni fa la storica incisione allo Stone Castle di Carimate

particolare da copertina di Montecristo di Roberto Vecchioni

Torna “Montecristo”, storico album di Roberto Vecchioni registrato quattro decenni or sono nei mitii studi Stone Castle di Carimate, fucina di dischi italiani di qualità.«Montecristo è per me come un figlio perduto, partito e mai tornato. L’ho amato da lontano in quella sua specie di esilio e lo ritrovo con una gioia smisurata» dice Vecchioni parlando della riedizione nel 40° anniversario, l’a,bum esce in vinile in edizione limitata numerata con artwork originale con busta esterna a tripla anta, busta interna e inserto con illustrazioni di Andrea Pazienza. L’album viene pubblicato per la prima volta anche in cd e in digitale. Ospiti illustri, che hanno preso parte alla realizzazione di questo album, sono: Eugenio Finardi (nei brani “Montecristo “Reginella (e cinquecento catenelle d’oro)” e “Madre”), Antonello Venditti (presente nel brano “Montecristo”) “e Lucio Dalla al sax nel brano “La Strega”.
Diario avvelenato e disperato dell’ultimo anno di un amore, questo disco. Tra i vari spunti favolistici e cinematografici si dipana la lunga ballata ermetica “ciondolo”, ricordo sonoro di altri tempi, quelli dell’attesa e della speranza. La parafrasi felliniana al contrario (“La città senza donne”) stempera l’amarezza in autoironia come ultimo tentativo di dimenticare

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.