Torna “Settembre Classico”

Villa Imbonati (Cavallasca), conferenza stampa Settembre Classico. In foto: Noemi Serrano (direttore artistico Settembre Classico).

La rassegna Settembre Classico, curata e diretta dalla pianista Noemi Serrano, chiude questo primo mese con il concerto “Frammenti d’Oriente”, che si terrà domenica 20 settembre all’Auditorium di San Fermo della Battaglia al consueto orario delle 17. Dopo i tributi a Mozart e Clara Schumann per celebrare il ritorno sul palco, il pubblico potrà apprezzare le suggestioni della musica del Dirac Piano Duo ispirata al mondo orientale. Il Dirac Duo è composto dai giovani pianisti italiani Alessandra di Gennaro e Michele d’Ascenzo, entrambi originari dell’Aquila, che proporranno al pubblico di Settembre Classico un programma dedicato a tre raccolte di brani legate a diversi luoghi che nell’immaginario rappresentano l’Oriente: l’Arabia in Schumann nel brano “Bilder aus Osten”, il sud-est asiatico di Ravel in “Ma mère l’Oye”, e la tradizione musicale russa in “Six Morceaux” di Rachmaninov. Per Michele sarà un gradito ritorno sul lago dopo numerose partecipazioni a diversi festival musicali lariani.
Il Dirac Duo nasce nel 2019 e prende il nome dal fisico inglese Paul Dirac, formulatore dell’equazione dell’étanglement quantistico, un fenomeno che avviene quando due sistemi interagiscono tra loro. Nel loro caso, due personalità differenti che, una volta al pianoforte, respirano insieme. I due pianisti infatti, dopo essersi diplomati nel 2015 al Conservatorio dell’Aquila con il massimo dei voti, la lode e gli onori, hanno intrapreso percorsi artistici diversi. Alessandra ha approfondito la musica da camera e la musica contemporanea, mentre Michele ha privilegiato l’attività solistica, esibendosi con importanti orchestre tra cui l’Orchestra Filarmonica Italiana. La loro presenza nella rassegna di Settembre Classico testimonia una varietà della proposta artistica che è un vero tratto distintivo del festival. L’Oriente, con le sue suggestioni, ha sempre ispirato la nostra cultura, come afferma la stessa Noemi Serrano: “Nella rassegna di settembre abbiamo puntato su una proposta ampia e variegata. Siamo partiti con Mozart, passando per Clara ed ora andiamo in Oriente con “Frammenti d’Oriente”, un tributo alla cultura orientale da sempre affascinante e fonte d’ispirazione per la musica occidentale”. Si ricorda che l’ingresso al concerto è gratuito e che sarà obbligatorio portare con sé la
mascherina per garantire il rispetto di tutte le norme di sicurezza.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.