Torna “Zelbio Cult”, estate di emozioni intorno a un libro

Zelbio

Partirà domani il festival letterario Zelbio Cult, ideato e diretto da Armando Besio. La formula, ormai collaudata, prevede incontri in presenza, a ingresso libero su prenotazione, nel Teatro di Zelbio con otto protagonisti della letteratura, dell’arte, dell’architettura, del giornalismo e della geopolitica. La piccola località lariana a 800 metri di altezza sopra il Lago, vanta un suo comitato cultura e con il sostegno della Pro Loco e della Biblioteca comunale, superando le difficoltà del momento, ha costruito un ricco calendario anche per la quattordicesima edizione.
Domani l’apertura della manifestazione è con Maria Grazia Calandrone, poetessa, scrittrice, drammaturga, autrice e conduttrice per Radio Rai 3: candidata al Premio Strega, il suo romanzo in prosa lirica “Splendi come vita” (Ponte delle Grazie) è un’intensa e sofferta lettera d’amore alla madre adottiva. Nata a Milano nel 1964, Maria Grazia Calandrone fu abbandonata dalla madre biologica (che poi si suicidò) quando aveva 8 mesi. Il libro è dedicato alla mamma adottiva, Ione, con la quale ebbe a lungo un rapporto difficile. Si prosegue sabato 17 luglio con Elisa Fuksas, regista e scrittrice, che ha pubblicato “Ama e fai quello che vuoi” (Marsilio), in cui racconta la scoperta della fede.
“La Cina è troppo vicina?”: quella di sabato 24 luglio sarà una serata per appassionati di geopolitica e di attualità internazionale con l’analista Dario Fabbri. Il 31 luglio sarà ospite lo psichiatra scrittore Paolo Milone con il suo “L’arte di legare le persone” (Einaudi), un diario di quarant’anni di cura della follia che commuove colmo di saggezza.
Con “Amore e rivoluzione” si parla del Canton Ticino sabato 7 agosto con la storica e critica dell’arte Chiara Gatti e con il celebre architetto Mario Botta, mentre il 14 agosto Andrea Vitali è sul palco per la prima assoluta di “Odisseo vs. Ulisse”.
Il 21 agosto si prosegue con Francesco Costa autore del saggio “Una storia americana” (Mondadori) per chiudere il 28 agosto con gli “Sconsigli di lettura” di Luigi Mascheroni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.