Tornerà in Tunisia il corpo del 18enne morto dopo un malore mentre nuotava nel Lago di Como

Un momento dei soccorsi in viale Geno

Tornerà in Tunisia – nel suo ultimo viaggio – il 18enne morto in ospedale a Lecco dopo il malore che l’aveva colpito mentre faceva il bagno nel Lago di Como. Il ragazzo era stato soccorso da un agente della polizia stradale, che l’aveva estratto dall’acqua (recuperandolo a due metri di profondità) per poi affidarlo alle cure dei medici. Ora il 18enne, che viveva in Italia senza i genitori e il fratello che era rimasto in Tunisia, tornerà a casa dove verrà seppellito. I genitori hanno dato l’assenso all’espianto degli organi.

Il 18enne faceva il pizzaiolo, aveva trovato un lavoro e nonostante fosse in Italia solo dall’inizio del 2021 si manteneva da solo. Ieri anche il sindaco di Cavenago, nel Monzese, l’ha voluto salutare sulla propria bacheca Facebook. «Era dipinto da tutti come un esempio di integrazione, di impegno e di serietà – ha scritto il primo cittadino Davide Fumagalli – Ho preso contatto con i responsabili della comunità che l’aveva seguito per esprimere a nome di tutta Cavenago, il cordoglio per la scomparsa di questo ragazzo. Dispiace davvero tanto. Le più sentite condoglianze alla famiglia»

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.