Torno e Moltrasio unite dalla storia

L’11 giugno del 1522, Torno (a quel tempo fedele ai Francesi) venne distrutta dai Comaschi, alleati degli Spagnoli, e la sua economia messa in ginocchio. Negli stessi istanti, sulla sponda moltrasina, le campane suonavano a festa per San Barnaba. Gli abitanti di Torno interpretarono lo scampanìo come un festeggiare la loro disfatta e, da allora, tra i due comuni non corse buon sangue.

Il «malaugurato equivoco» ebbe come conseguenza, l’incendio di Moltrasio da parte dei Tornaschi, come racconta lo storico Francesco Ballarini. Da qui, il felice pretesto per la manifestazione “1522 Il lago ci parla”, che approda alla quarta edizione. L’appuntamento è per domenica 15 Giugno. L’iniziativa è nata da una celebrazione storica e divenuta negli anni un appuntamento importante per la storia, la cultura,  l’ambiente, le problematiche del Lago di Como. 

Fin dalla prima edizione l’Associazione Pro Loco di Moltrasio e la Pro Loco di Torno, con il patrocinio dei due rispettivi Comuni e di numerosi Enti ed Istituzioni, hanno ideato e realizzato una formula vincente, abbinando cultura e tradizione, storia e vita di questo incantevole Lago, conosciuto e frequentato fin dall’800 da artisti e personalità del mondo intero. Il tema di quest’anno é quello trattato nel corso del Convegno che si terrà domenica mattina dalle ore 9.30 alle ore 12.15 presso il Grand Hotel Imperiale di Como, ovvero “Dalla selva al giardino. Quale futuro per il verde Lariano?”. 

E’ prevista la presenza di importanti esperti del settore: da Nicoletta Cannone, professore aggregato presso il Dipartimento di Scienze Tecniche e Applicate dell’Università dell’Insubria (con un intervento “Impatto del cambiamento climaticoe del cambiamento di uso del suolo vegetale”) all’agronomo Salvatore Ena (“Pascolie boschi ieri e oggi”) a Valter Pironi agronomo ed esperto di florivivaismo (“Gli orti, una risorsa importante per il territorio e il paesaggio”). Concluderà il paesaggista Emilio Trabella (“I giardini romantici e le attuali difficoltà di gestione”). Il programma della giornata proporrà anche quest’anno, fra Moltrasio e Torno, varie occasioni di interesse culturale, botanico e turistico per offrire esperienze stimolanti all’insegna della conoscenza e dell’incontro tra le persone e tra le idee. Un battello, riservato gratuitamente ai partecipanti,  collegherà per tutta la durata delle iniziative le due rive del Lario.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.