Tosi: «Chi è vaccinato evita l’ospedale e il decesso dal 91 al 100%»

Davide Tosi ricercatore dell'Università dell'Insubria

«I trend sono cambiati le curve dei contagi da inizio luglio sono tornate a salire», conferma a Etv Davide Tosi, ricercatore dell’Università dell’Insubria, esperto nell’analisi dei big data. Gli indici Rt, spiega Tosi, sono tornati sopra all’1 in quasi tutte le regioni italiane, dove le stime sono molto simili tra loro riguardo all’incidenza di casi positivi e alla diffusione di varianti come riportato sul portale www.covid19-italy.it.

«Più che preoccuparsi per le varianti, è bene procedere speditamente con la campagna vaccinale», dice il ricercatore dell’Università dell’Insubria, che a riguardo evidenzia come in Italia i dati comunicati dall’Istituto Superiore di Sanità sull’efficacia del vaccino siano molto positivi.

«Chi è vaccinato in doppia dose – continua Tosi – ha ridotto la capacità d’infezione intorno all’80%, mentre si è protetti dai ricoveri ordinari dal 91 al 97%, del 100% da quelli in terapia intensiva, così come per i decessi. Ora – anticipa il professore – i festeggiamenti per la vittoria dell’Europeo dell’Italia potrebbero far risalire i casi positivi soprattutto tra i più giovani, anche per questo è importante vaccinare e farsi vaccinare, e continuare ad avere comportamenti attenti perché – conclude – la partita, quella con il Covid, non è ancora vinta».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.