Tour “notturno”, la sfida di Davide Van De Sfroos. Il cantautore di nuovo live
Cultura e spettacoli, Musica

Tour “notturno”, la sfida di Davide Van De Sfroos. Il cantautore di nuovo live

Forse dopo il concerto di San Siro si era rotto qualcosa o più semplicemente c’era la necessità di ritrovare nuove energie e stimoli. Così, dopo un lungo periodo che è stato anche di riflessione e introspezione, Davide Van De Sfroos è pronto per tornare sul palco per ritrovare quell’intimità con il pubblico che solo i teatri possono offrire.
Partirà quindi a dicembre, il 29 al Cenacolo Francescano di Lecco, “Tour de Nocc”, il nuovo viaggio teatrale dell’artista lariano.
«Voglio celebrare il mio passato nascosto – racconta De Sfroos – proponendo delle ballate dimenticate sotto i lampioni e dare uno sguardo al futuro attraverso un percorso notturno alla ricerca dei brani dimenticati nei cassetti. Una musica che cercherà di ridisegnare ombre familiari con tinte nuove».
De Sfroos darà così vita a un grande e unico spettacolo in grado di ricreare una suggestiva atmosfera con sfumature swing e jazz.
Per l’occasione, Davide Van De Sfroos sarà accompagnato sul palco dai musicisti Angapiemage Galliano Persico (violino, tamburello, cori), Riccardo Luppi (sax tenore e soprano, flauto traverso), Paolo Cazzaniga (chitarra elettrica e acustica, cori) e Francesco D’Auria (batteria, percussioni, tamburi a cornice, hang).
Le altre date lo vedranno in concerto il 4 gennaio al Pentagono di Bormio, il 15 gennaio al Teatro Argentia, di Gorgonzola, il 29 gennaio al Teatro Cagnoni di Vigevano, l’1 febbraio al Teatro Auditorio di Cassano Magnago, il 9 febbraio al Teatro Lac di Lugano, il 23 febbraio al Creberg di Bergamo, il 14 marzo al Teatro Ciak di Milano, il 15 marzo al Teatro Openjobmetis di Varese e finalmente il 22 marzo il ritorno a casa al Teatro Sociale di Como.
I biglietti dei concerti saranno disponibili in prevendita, dalle ore 16, su Ticketone a partire da oggi e sui circuiti interni dei teatri.
Al momento De Sfroos ha pronte le bozze di alcune nuove canzoni ma per annunciare anche un nuovo album è ancora davvero presto, difficilmente se ne parlerà prima dell’autunno del prossimo anno.
Il suo ultimo lavoro di inediti, Goga e Magoga, era arrivato nel 2014 a tre anni di distanza dal fortunato Yanez, il disco che dava il titolo al brano presentato nel 2011 nella Città dei Fiori dove aveva raggiunto il quarto posto rivelandosi la più grande sorpresa del Festival di Sanremo di quell’anno. Intanto, in questi giorni, De Sfroos pubblica per La Nave di Teseo il suo nuovo volume di racconti brevi intitolato Ladri di foglie, viaggio a tappe inseguendo un improbabile lestofante che immagina di poter rubare la magia nascosta nelle nervature di una giornata qualunque.
Ma chi può sottrarre impunemente alla terra e agli uomini figure e pensieri, colori e parole, forme e silenzi? Chi è il ladro di foglie? Il colpevole – sostiene De Sfroos – appartiene alla stessa consorteria degli elementi primordiali – fuoco, aria, acqua e terra – e il suo nome è «vento»: «È quel vento che soffia, spinge, sibila e batte; che gonfia i propri muscoli e prende a cazzotti il mondo; che lustra il sole e sposta la notte; che impasta le nuvole, le stira, le annoda e le scaglia lontano – oppure le dissolve. Quel vento che dimentica i propri nomi, che curva il fumo dei camini, che solleva sabbia e spruzzi d’acqua, che ci trasforma in guardiani della cenere e in cacciatori di nebbia e che, forse, ci vuole complici dei propri misfatti».

9 novembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto