Traffico e inquinamento, la proposta del Codacons: «Limite di 30 chilometri all’ora in tutta Como»

«Velocità massima 30 chilometri orari in tutta la città per ridurre l’inquinamento e il rischio di incidenti». Il Codacons si rivolge al nuovo assessore alla Mobilità del Comune di Como Vincenzo Bella e propone di ridurre la velocità nel capoluogo lariano.
L’associazione di consumatori rilancia sul Lario alcune misure che aveva proposto anche per la città di Milano. «Stabilire il limite di 30 chilometri orari in tutta la città – chiede il Codacons – In questo modo non esisterebbe più il rischio di incidenti stradali e si ridurrebbero sensibilmente anche le emissioni inquinanti».
Altre proposte riguardano l’inquinamento. «Occorre stabilire un divieto di circolazione per i veicoli più inquinanti – chiede l’associazione – e infine potenziare i mezzi pubblici. Invieremo una lettera all’assessore per proporre le misure».
In attesa di ricevere il documento del Codacons, direttamente chiamato in causa l’assessore alla Mobilità e trasporti non si sottrae a una prima valutazione. «Gli elementi che il Codacons indica sono interessanti e importanti, ma vanno inseriti in una pianificazione più ampia – sottolinea Vincenzo Bella – Ci sarà innanzitutto un piano del traffico, uno strumento che la nuova amministrazione dovrà predisporre, ripartendo dal lavoro fatto da chi ci ha preceduti. In funzione degli indirizzi del programma valuteremo le proposte nell’ambito della realtà del piano dei servizi e del traffico».
«È uno dei temi che sarà all’attenzione – aggiunge Bella – Per quanto riguarda i trasporti pubblici, ci sarà a breve la gara unica interprovinciale e quella è la sede in cui negoziare i servizi da ottenere. Tutto sarà proporzionato alla disponibilità del finanziamento e ad altri parametri».
«Sono temi delicati sui quali è facile fare demagogia sia sul fronte delle richieste che delle promesse – conclude Bella – Stando con i piedi per terra, sicuramente si potranno fare valutazioni e proposte. Dobbiamo sempre tenere conto della particolarità della splendida città di Como, una convalle con accessi in punti ben precisi e limiti orografici che condizionano lo sviluppo e le possibilità di smistare al meglio traffico. Mi riservo di rispondere nel dettaglio alle proposte del Codacons quando le riceverò personalmente, ma sicuramente verranno discusse nell’ambito del piano del traffico».
Dopo essere stato indicato come assessore ai Lavori pubblici, mobilità e trasporti, Vincenzo Bella ha ipotizzato tra le altre cose una app per segnalare buche o altri problemi di manutenzione e più sicurezza per i pedoni con la sistemazione della segnaletica e dell’illuminazione.

Articoli correlati