Traffico in tilt, caos annunciato a Camerlata. L’inizio delle lezioni a scuola “stress test”
Cronaca, Territorio

Traffico in tilt, caos annunciato a Camerlata. L’inizio delle lezioni a scuola “stress test”

“Viadotto dei lavatoi” chiuso, come era prevedibile a Camerlata aumenta in modo esponenziale il caos all’inizio di settembre. Con code, ieri, fin dal mattino, e intasamenti in particolare nelle ore di punta. Un altro lunedì di ordinaria follia, insomma, per la viabilità di Como, un copione già scritto, ampiamente replicato, puntuale come il ritorno dalle ferie e la riapertura di fabbriche e uffici.

Come era facilmente prevedibile, insomma, la viabilità di Como è stata nuovamente messa dura prova. in ginocchio, al rientro dopo le vacanze d’agosto e con la ripresa delle attività lavorative nella convalle del capoluogo lariano. Era prevedibile, ma a questo punto quel che più si teme è quanto che potrà succedere alla riapertura della gran parte delle scuole dato che nidi e materne riaprono ora ma da martedì prossimo tutti torneranno in classe con inevitabile innalzamento del traffico in tutta la convalle lariana e conseguente “stress test” per i punti più nevralgici della infrastrutture viabilistiche del territorio cittadino.

Intanto va messa in archivio, a futura memoria, la giornata di caos di ieri, già di buon mattino come detto, con code in via Muggiò e in via Turati, a causa della ormai nota chiusura del “Viadotto dei Lavatoi” per l’intervento non prorogabile relativo alla sua manutenzione. E se il buon giorno si vede dal mattino, quanto registrato ieri non fa certo ben sperare per i prossimi giorni. Le avvisaglie non sono incoraggianti, anzi, nella prima mattina di caos con la città tornata al completo. Un segnale che risulta inquietante soprattutto in prospettiva, quello registrato ieri, come si diceva. Perché va considerato che di lunedì restano chiusi molti esercizi commerciali.

Il vero banco di prova per la tenuta della circolazione nel capoluogo lariano sarà, quindi, quello che andrà in scena nella giornata di oggi. Poi, come detto, gli occhi dovranno essere puntati sulla settimana prossima, con la riapertura delle scuole. Il punto più critico per la viabilità nell’area del viadotto interdetto alla circolazione si è confermato ieri il ponticello su via Donatori di sangue, dove il flusso di auto e di mezzi pesanti non ha mancato di creare ingorghi. Il Comune di Como intanto non perde le speranze spinge per un anticipo della riapertura del “viadotto dei lavatoi” almeno per il traffico veicolare leggero, si spera tra il 18 e il 20 settembre prossimi.

Nel frattempo i tecnici incaricati delle verifiche sull’infrastruttura proseguono nei controlli come da programma. Si stanno concentrando in particolare sul pilone numero 12 dell’infrastruttura, uno di quelli che risultano più danneggiati, e nelle prossime ore passeranno a controllare anche gli altri. «Non posso garantire nulla – ha detto ieri al telegiornale di Espansione Tv l’assessore alla Mobilità della giunta di Mario Landriscina, Vincenzo Bella – ma ogni nostro sforzo è teso a riaprire il viadotto quanto prima. L’impresa è al lavoro, tutto procede secondo cronoprogramma e le auto torneranno certo a transitare. Siamo tutti  impegnati per questo»

5 Settembre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto