Tragedia al concerto: marianese a processo

alt Perse la vita un ragazzo di 20 anni
Arriva in aula la vicenda del crollo del palco di Jovanotti a Trieste

L’accusa messa nero su bianco dalla Procura di Trieste nella propria richiesta di rinvio a giudizio è pesantissima: disastro e omicidio colposo. In aula, tra i tre imputati, anche un ingegnere di Mariano Comense di 36 anni.
La vicenda è quella assai nota del crollo del palco che stava per essere allestito in occasione del concerto di Jovanotti a Trieste il 12 dicembre del 2011. Un cedimento che

costò la vita a Francesco Pinna, appena 20 anni, studente che si guadagnava la giornata lavorando proprio all’allestimento del grande palco in occasione del concerto di Lorenzo Cherubini previsto per quella sera. Della lunga schiera di indagati iscritti alla prima ora, alla fine, a risponderne davanti al giudice sono rimasti in tre.
Oltre all’ingegnere di Mariano Comense (l’addetto incaricato della verifica statica del ground support) si aggiungono l’amministratore delegato della società incaricata di fornire e montare la struttura poi collassata e il legale rappresentante della società organizzatrice dell’evento.
Ieri mattina si è tenuta l’udienza preliminare, davanti al giudice di Trieste Laura Barresi.
Il gup, tuttavia, ha disposto la correzione del capo d’imputazione nella parte riservata alle parti lese (quella di un operaio rimasto ferito nel crollo), decidendo poi – proprio in seguito al difetto di notifica – per il rinvio dell’udienza al prossimo 27 settembre. Secondo la tesi della Procura giuliana, la struttura del palco del PalaRubini collassò per un eccesso di carico.
Una implosione dovuta alle troppe apparecchiature che erano state fissate sul ground support.

M.Pv.

Nella foto:
Il palazzetto dello sport di Trieste con il palco di Jovanotti crollato per il peso

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.