Traglio contro Magatti: «Chi elude le primarie favorisce il ritorno dei nostalgici di Bruni»
Politica

Traglio contro Magatti: «Chi elude le primarie favorisce il ritorno dei nostalgici di Bruni»

«Chi non vuole dialogare ha un’idea di democrazia piuttosto lontana dalla mia». Ma non solo. «Chi elude le primarie favorisce il ritorno di quelli che hanno nostalgia dei tempi di Stefano Bruni».
Maurizio Traglio non fa il nome di Bruno Magatti, ma il riferimento è chiaro. Quello tra l’imprenditore e finanziere in corsa per le primarie del Pd e l’assessore all’Ambiente, anima di Paco, che di primarie non vuole sentire parlare (QUI la sua intervista, al proposito, rilasciata al “Corriere di Como”), è uno scontro a distanza.
Per necessità, perché Magatti, come ha dichiarato ieri sulle colonne di questo giornale, non intende incontrare Traglio per «non generare alcuna ambiguità».
E così Traglio – definito dall’esponente di Paco un corpo «estraneo alla storia politica dell’area che dovrebbe votarlo ma anche alle problematiche dell’amministrare» – ora replica via comunicato stampa. Una nota dal titolo eloquente – “Chi scappa dal confronto ha una strana idea di partecipazione” – in cui il nome di Magatti non compare mai. Ma è come se fosse scritto dall’inizio alla fine.
«In queste settimane ho avuto modo di incontrare moltissime persone: donne e uomini provenienti dalle anime più diverse della città – è la premessa di Maurizio Traglio – È stata per me un’enorme fortuna, perché nel confronto ho trovato un arricchimento che, senza questa esperienza, non sarebbe stato facile avere».
Per questo motivo, l’imprenditore comasco ringrazia «sinceramente tutti coloro che hanno voluto, anche nella diversità di vedute, sedersi con me e scambiare opinioni e idee su come si potrebbe migliorare la nostra città».
Poi l’attacco diretto a chi con lui nemmeno vuole sedersi per un confronto, ovvero Magatti. «Chi non vuole dialogare con chi la pensa diversamente ha un’idea di democrazia piuttosto lontana da quella dei cittadini e dalla mia», puntualizza l’imprenditore lariano.
L’assessore all’Ambiente e ai Servizi sociali, nell’intervista pubblicata ieri, precisava che il suo «non è un giudizio sulla persona». Il problema, secondo Magatti, è che «a Traglio manca una serie di requisiti essenziali di storia e cultura politica, di competenza e di esperienza». Un corpo estraneo al centrosinistra, dunque. Da qui l’inutilità di un confronto.
Ma torniamo alla nota di Traglio. L’affondo dell’imprenditore contro Magatti, indicato come colui che, con la sua scelta di voler correre da solo – non ancora ufficializzata, va precisato (Magatti scioglierà le sue riserve tra una decina di giorni) – rischia di regalare il governo della città al centrodestra.
«Credo che chi desidera rappresentare un progetto di cambiamento con radici nel riformismo del centrosinistra si dovrebbe candidare alle primarie – è l’attacco finale di Traglio – Chi elude le primarie, così come evita il dialogo con le persone, secondo me favorisce il ritorno di quelli che hanno nostalgia dei tempi di Stefano Bruni. È un peccato».

1 Marzo 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto